Le abitudini e le preferenze del gatto a volte sono molto differenti da quelle tipicamente umane e ci sono cose che, se per noi sono normali, lo infastidiscono profondamente. Tu sai quali?

1. IL CONTROPELO... MAI!

Se vuoi fare un dispetto al tuo gatto, spazzolalo oppure accarezzalo contropelo: l’umore nero regnerà su di lui anche per un’intera giornata. Il felino è infatti portato per istinto a tenere in ordine il suo manto non solo perché è elegante di natura, ma anche perché così riesce a isolarsi perfettamente dalla temperatura esterna. Ogni ciuffo in disordine significa tanti spifferi in più.

2. I RUMORI FORTI

Il gatto ha un udito molto sensibile e i rumori forti lo spaventano tanto da sentire il bisogno di scattare e posizionarsi in assetto di pericolo pronto a respingere i predatori. Lo stesso effetto producono su di lui le urla umane. Per questo motivo i felini detestano la confusione e cercano nascondigli tranquilli.

3. ESSERE FISSATO

Non fissare troppo il gatto negli occhi! Questa è una raccomandazione sempre valida poiché nel suo linguaggio corrisponde a lanciargli una sfida. Si potrebbe quindi sentire minacciato e scappare. Ma al contrario lui ama guardarti negli occhi per farti capire che sta comunicando con te, quasi come se volesse ammaliarti per ottenere tutte le attenzioni del mondo.

4. ESSERE SVEGLIATO

Al gatto piace davvero molto dormire e anche sonnecchiare a lungo in uno stato simile al dormiveglia. Il tempo dedicato al riposo per lui è sacro e se lo disturbi se la prende moltissimo, così come se procuri forti rumori vicino a lui. Il messaggio del gatto svegliato dall’attività umana è: gira alla larga! E lo comunica con un’occhiataccia.

5. IL COLLARE CON IL CAMPANELLO

Alcuni ancora lo usano ma puoi starne certo: al gatto non piace. Il collare con il campanello è molto rumoroso e i felini sono invece programmati per essere silenziosi, specialmente allo scopo di cacciare. A un gatto con il campanello sfuggono tutte le prede e per questo si sentirà molto frustrato.

6. ESSERE SPORCO

Imbrattarsi non è da lui: il micio ama mantenere il suo mantello brillante e in ordine, le zampette pulite e libere da residui o terra, il musetto sempre lucido e intonso. Per questo dopo aver fatto una passeggiata, dopo aver mangiato e in ogni caso periodicamente, il felino di casa si dedica a una lunga operazione di pulizia con l’aiuto della lingua. E sempre per questo motivo se lo accarezzi troppo a lungo è facile che diventi nervoso e scappi via. Le tue mani, forse, non sono così pulite come pensi…

7. MAI PORTE CHIUSE!

Il tuo gatto, come tutti i felini, detesta profondamente le porte chiuse. La restrizione del suo spazio proprio non la sopporta e la naturale tendenza a dominare l’ambiente circostante lo porta a infiniti tentativi di vincere l’ostacolo. L’ideale per lui è che tu non chiuda mai nulla e se lo fai aspettati di vederlo contrariato.