Anche per il cane più vorace e goloso può arrivare il momento in cui il cibo non è poi così allettante. L’atteggiamento è inequivocabile: il classico entusiasmo alla vista della ciotola è rimpiazzato da uno sguardo mesto e sconfortato, le orecchie abbassate e l’aria di chi voglia di mangiare proprio non ne ha. Come mai il cane improvvisamente non mangia e cosa si può fare se tutt’a un tratto è inappetente e svogliato?

Prima di tutto la salute

Poiché l’inappetenza nel cane è un segnale di diverse problematiche di salute, se Fido rifiuta insolitamente il cibo la prima cosa da fare è rivolgersi al veterinario per un consulto. Sarà lui a indagare lo stato di salute del tuo fedele amico e, una volta trovate le eventuali cause dell’inappetenza, sarà sempre lui a darti la cura adatta. Una volta riconquistata la piena forma il cane ritroverà naturalmente anche l’appetito e il buonumore.

Il cambio di stagione

Non è infrequente che con l’arrivo delle calde temperature l’appetito del cane diminuisca, esattamente come avviene per gli umani. La calura estiva di sicuro non aiuta il benessere del cane, che cerca di far fronte all’emergenza meteo come può: mangiare di meno lo fa stare più leggero, la digestione impegna meno il suo organismo, che può dedicarsi a gestire al meglio l’eccessivo calore esterno. In questo caso è opportuno assecondare il cane e lasciare che mangi se e quando lo desidera, senza mai forzarlo alla ciotola, avendo sempre cura di lasciargli a disposizione una buona quantità di acqua fresca cui abbeverarsi.

Quei periodi dell’anno

Un’altra causa di inappetenza possono essere gli ormoni. Nella femmina in calore gli estrogeni riducono la fame e non è quindi insolito che le cagnoline che si trovano in quei particolari periodi dell’anno guardino al pasto con meno interesse del solito. Del resto hanno altro a cui pensare!
Allo stesso modo, la stagione degli amori delle femmine può ripercuotersi anche sull’appetito dei maschi, che annusando la carica di estrogeni nell’aria possono rimanere per così dire scombussolati e in certi casi arrivare anche a rinunciare al cibo poiché distratti da cose per loro più interessanti. Anche in questo caso è inutile ostinarsi e insistere a proporre la ciotola al quattrozampe: una volta cessata la tempesta ormonale tornerà ad essere il goloso di sempre.

La routine del solito pasto

Alle volte, infine, il cane non mangia perché è annoiato dal solito cibo. Sente i profumi provenienti dai fornelli, ti guarda mentre sei a tavola e il suo fiuto la sa lunga. Così decide semplicemente di provarci, e sciopera: tu gli riempi la ciotola come sempre e lui non la prende nemmeno in considerazione, volta il muso di lato e ti fa capire che no, non mangerà la solita zuppa. Non farti intenerire e tieni duro: il cibo per cani che hai scelto per lui è sicuramente l’alimento più adatto alle sue esigenze. Tuttavia, puoi cercare di rendere il suo pasto più allettante, per esempio mescolandolo con un po’di acqua tiepida che ne esalti il sapore e lo renda più appetibile, e puoi farlo arrivare più affamato all’ora della pappa evitando di dargli snack fuori pasto. In tutti i casi ricordati di non cedere mai alla tentazione di dargli i tuoi avanzi, perché questo non farebbe che contribuire a fargli perdere interesse per il suo cibo.