Mattia ha conosciuto Godzilla che era ancora un cucciolo molto buffo, ma anche coraggioso. Da quando cane e gatto vivono insieme la loro vita si è riempita di occasioni di gioco e divertimento.

Il primo incontro di Mattia e Godzilla

Il primo ricordo che Mattia ha di Godzilla risale al giorno in cui è andato a vederlo da una signora che non poteva tenerlo con sé.

Godzilla era microscopico, piccolissimo eppure giocava con i cani della signora senza aver paura di nulla ed è anche il motivo per cui hanno deciso di chiamarlo così.

La cosa più buffa di Godzilla? Mattia racconta che quando Godzilla si annoia o decide di svegliarsi anche nel mezzo della notte, sale sul soppalco sopra il suo letto e da lì si tuffa a palla del tutto incurante sulla pancia di chi sta dormendo.

Stefano racconta la convivenza tra cane e gatto

Stefano, che aveva già un cane prima dell’arrivo di Godzilla, racconta di come la sua vita è cambiata da quando c’è anche un gatto in casa: “anche se spendo un capitale in spazzole per i peli, insieme al mio cane e a Godzilla abbiamo formato una specie di branco per cui nessuno si annoia mai in casa”. Soprattutto tra loro c'è tanto amore.

Godzilla del resto ci mette del suo: si nasconde dentro le scatole finché Stefano non se ne accorge, si fa prendere in braccio per due coccole, ama mimetizzarsi dietro le piante e a volte scappa sotto il divano.